Paolo Zardi recensisce CHIUDI GLI OCCHI E GUARDA sul Grafemi