Alfredo Fiorani in una bellissima recensione de L’uomo che viaggiava con la peste