“Gobbi come i Pirenei”, la storia di Bollini – di Paolo Ceragioli

Esordio letterario di Otello Marcacci, lucchese di residenza e di adozione. In libreria da pochi giorni il romanzo “Gobbi come i Pirenei” (Neo Edizioni), ha ricevuto al Salone del Libro di Torino lusinghieri apprezzamenti: “è un libro che vuole farsi leggere”.

E’ la storia di Eugenio Bollini (ex?) modesto ciclista professionista (“un buon gregario”) dal quoziente intellettivo “ottimo per rendersi conto di come va il mondo ma non abbastanza per migliorarlo”. A fine carriera inizia il riscatto con il divorzio e la promessa, al padre morente, di correre e concludere il Tour de France, sfondo di personaggi, di uno scandalo nell’imprenditoria lucchese e dell’ultima grande sfida.

Il romanzo è un crescendo brillante, ironico, travolgente. “Se l’onestà e l’aurea mediocritas” sono “gli ultimi baluardi contro la corruzione”, il messaggio di speranza è un riscatto che arriva e dà il via a una nuova gara.

Comments are closed.