NOTIZIE.IT – Intervista ad Angelo Biasella

“Ciò che conta è che il manoscritto sia “funzionale”. Insomma, una cosa per piacerci deve “funzionare”. So che è del tutto aleatoria come spiegazione ma davvero è ciò a cui guardiamo in fase di valutazione. Se il lavoro finale collima con le intenzioni/premesse dell’autore, ci caliamo subito in uno stato d’animo ricettivo. Per la pubblicazione effettiva, poi, servono altre cose ma lì si sconfina nella sfera dell’inconoscibile.” [leggi tutto…]

Comments are closed.